Condividi:

Safari in Africa (Zimbabwe) - Parco del Gonarezhou

Il Gonarezhou National Park, in Zimbabwe, è oggi parte di uno dei più grandi Parchi Transfrontalieri africani, il Great Limpopo Transfrontier Park, ed è un'area ricca di fauna (inclusi leoni, elefanti, leopardi e licaoni) e scenari naturali mozzafiato, che noi di African Path Safaris non manchiamo di includere nei nostri itinerari (Safari Into The Wild e Safari Highlands).

Safari in Africa (Zimbabwe) - Parchi Naturali

I confini politici tracciati con linee marcate sulla carta geografica dell’Africa, e con recinzioni di filo spinato sulla nuda terra del continente, raramente hanno rispettato i naturali confini dei differenti sistemi ecologici, limitando gli antichi naturali movimenti della fauna, e interrompendone i millenari processi di migrazione.
Ristabilire, almeno in parte, questi antichi corridoi naturali, resta il sogno di ogni conservazionista, ed un parco transfrontaliero (transfrotier park) rappresenta la realizzazione di questo sogno.

La nascita di questa enorme area di conservazione risale alla metà degli anni ’80, quando il magnate americano Anton Rupert incontrò il presidente mozambicano Joaquin Chissano e gli espose il concetto di area di conservazione che superasse il concetto di confini Nazionali, lanciando l’idea di un progetto comune tra Sudafrica e Mozambico.
Chissano rimase entusiasta della proposta, intuendo le positive implicazioni economiche, sociali e politiche di un simile progetto. Ma gli anni a venire non ne favorirono la realizzazione, e la guerra civile non lasciò spazio alle ambizioni conservazioniste di Rupert.

Soltanto nel 1996, dopo gli accordi di pace del ’92 in Mozambico, e l’elezione di Nelson Mandela alla carica di Presidente della Repubblica Sudafricana nel ’94, il progetto tornò alla ribalta e finalmente, con l’appoggio della World Bank, venne avviato coinvolgendo gli stati di Sudafrica, Mozambico e Zimbabwe.

Le origini dei Parchi Africani

Il progetto prevedeva la creazione di un’area che comprendesse il Kruger N. P. sudafricano, il Gonarezhou N.P. dello Zimbabwe e l’area della provincia di Gaza, in Mozambico, compresa tra i fiumi Limpopo e Elefantes (Olifant river), così venne formata una commissione tecnica composta da membri dei tre diversi paesi.

La prima fase del progetto iniziò formalmente il 10 Novembre del 2000, con l’accordo di Skukuza, siglato nell’omonima località del Kruger N. P., tra il Ministro del Turismo e dell’Ambiente Sudafricano Valli Moosa, il Ministro dell’Agricoltura Mozambicano Francisco Nhema ed il Ministro del Turismo e dell’Ambiente dello Zimbabwe Helder Mutria. L’accordo avviò i lavori di una Commissione Tecnica trilaterale, presieduta dai tre ministeri e l’anno seguente, il 4 Ottobre 2001, i primi 25 elefanti vennero traslocati in territorio mozambicano dal Kruger N. P.

Safari in Africa (Zimbabwe) - Animali da Safari, i Licaoni

Per l’occasione, Nelson Mandela aprì personalmente i cancelli della frontiera agli autotreni che trasportavano gli animali. Contemporaneamente, 30 km di recinzione lungo il confine tra Sudafrica e Mozambico venivano rimossi per consentire il naturale passaggio degli animali.
Due anni più tardi, il 9 Dicembre del 2002, nella località costiera Mozambicana di Xai-Xai, i presidenti delle tre nazioni coinvolte, Thabo Mbeki (Sudafrica), Joaquin Chissano (Mozambico) e Robert Gabriel Mugabe (Zimbabwe) siglarono il trattato internazionale che sancì la nascita del Great Limpopo Transfrontier Park.

(foto di repertorio: credit SANPARKS/Kruger National Park)

Safari in Africa (Zimbabwe) - Animali da Safari, i Leoni

e-max.it: your social media marketing partner

Siamo professionisti

African Path si avvale per i suoi viaggi esclusivamente di guide professioniste, addestrate e registrate presso:

Zimbabwe Tourism Authority Zimbabwe Ministry of Tourism FGASA

Iscriviti alla Newsletter

Vorresti fare un viaggio in Africa ma non sei ancora deciso? Ti manderemo i nostri programmi aggiornati e ti faremo venire voglia di riempire lo zaino!