Condividi:

 

E' sera ormai, il buio è già calato sul campo e la sabbia si sta via via raffreddando. Il tavolo da campo è già imbandito, illuminato dalla luce discreta delle candele e in lontananza si ode il richiamo insistente e disperato di un bufalo.

La "risata" nervosa delle iene riecheggia nella boscaglia, presagio di un dramma che si sta consumando poco al di la della linea degli alberi. Poi cala il silenzio, il bufalo tace, soltanto un latrato di iena, profondo e lugubre, lacera la notte.
La pozza dista solo poche centinaia di metri e nella luce fredda e vivida dell'alba la raggiungiamo a bordo del Land Rover. La carcassa del bufalo giace nello spiazzo polveroso e una leonessa accovacciata la custodisce con una zampa ben poggiata sul muso del bovino morto. Gli altri leoni del branco sparsi qua e la, chi si disseta guardingo alla pozza, chi giace in terra con lo stomaco rigonfio di carne, chi "sbadiglia" mostrando le zanne a noi nuovi arrivati.
Le iene impazienti e incerte tentano vane sortite, subito dissuase da un maschio possente di felino che balza in piedi e lancia un ruggito. Anche gli sciacalli trotterellano a debita distanza nella speranza che prima o poi un brandello di carne incustodito possa diventare il loro pasto.
Il muso del bufalo ha ancora l'espressione tragica della sconfitta fatale, probabilmente avvenuta dopo una strenua lotta. Ci vorranno tre giorni prima che il branco di leoni consumi la carcassa quasi completamente per poi abbandonare la pozza e scomparire nel fitto della boscaglia, preparando un'altra caccia.

e-max.it: your social media marketing partner

Siamo professionisti

African Path si avvale per i suoi viaggi esclusivamente di guide professioniste, addestrate e registrate presso:

Zimbabwe Tourism Authority Zimbabwe Ministry of Tourism FGASA

Iscriviti alla Newsletter

Vorresti fare un viaggio in Africa ma non sei ancora deciso? Ti manderemo i nostri programmi aggiornati e ti faremo venire voglia di riempire lo zaino!