Condividi:

di Gianni Bauce (n° 2 - febbraio 2013)

Archivio 2 chiacchiere col ranger >>

Quando giunge il momento di accamparsi, si presenta anche la grande incombenza del scegliere il luogo più adatto per montare il nostro campo.

La scelta del luogo giusto ci consente di riposare più serenamente, proteggerci dal caldo e dagli agenti atmosferici, evitare i pericoli.

In genere, un albero o una macchia rappresentano luoghi ideali in quanto forniscono un po’ di ombra durante le ore più calde del giorno. A questo proposito va ricordato che nell’emisfero australe il sole a mezzogiorno si trova leggermente a nord, perciò collocare la tenda sotto il lato meridionale dell’albero garantisce il massimo dell’ombra a mezzodì. Ma l’ombra si sposta e il sonnellino pomeridiano lo si fa in genere dopo pranzo, cosicché sarebbe più opportuno sistemare la tenda a sud est della fonte ombrosa.

Tuttavia, non siamo i soli interessati ai vantaggi di un albero nella boscaglia. Oltre a noi, molti altri animali sono attratti dall’ombra: dai piccoli uccelli, ai roditori ai più grandi mammiferi. E’ buona norma quindi controllare che l’albero non sia già “occupato”, magari da un leopardo che non gradirebbe affatto la nostra presenza.

Le cavità del tronco e le radici sono luoghi prediletti da molti piccoli animali per ricavarne tane, come topolini, lucertole, piccoli uccelli. Essi non costituiscono di per sé un pericolo, ma i serpenti sono i loro principali predatori, perciò la loro presenza può significare la potenziale eventualità di imbattersi in uno di questi pericolosi rettili. Occhi aperti quindi ed evitate di arrampicarvi sui rami dove si può fare uno spiacevole incontro con un boomslang o con qualche altro serpente arboricolo. Formiche e soprattutto termiti nidificano spesso nei pressi degli alberi perciò attenzione a dove si appoggia la roba (soprattutto il cibo). Ma essi non sono gli unici insetti ad insidiare potenzialmente il nostro accampamento; nelle zone più desertiche, come il Kalahari, dove l’acqua è un bene rarissimo e prezioso, le nostre scorte d’acqua possono attirare insetti assetati. Mi è capitato personalmente nel cuore del Kalahari di dover gestire uno sciame d’api che aveva invaso il campo attratto dalle goccioline d’acqua sulle stoviglie lavate e lasciate al sole ad asciugare. Dovetti accendere un fuoco di sterpi verdi e allontanare gli insetti col denso fumo per riappropriarmi di piatti e pentole!

Se i rami forniscono una piacevole e fresca ombra durante le ore più calde del giorno e nondimeno un piccolo riparo dalla pioggia, essi possono costituire anche un potenziale pericolo. E’ importante accertarsi che non ci siano rami pericolanti ad incombere sulla nostra tenda, perché la loro caduta può risultare disastrosa e fatale.

Molti altri animali trovano il proprio habitat ideale tra i rami degli alberi, quindi attenti alle piccole scimmie, come i veloci e ladruncoli cercopitechi, che in un baleno sono capaci di svaligiare una dispensa e a volte anche un’intera tenda se lasciata aperta e incustodita. Altri invece sono golosi di frutti, semi, cortecce o foglie ed è importante conoscere queste abitudini per evitare di ritrovarsi sfattati ad esempio da un gruppo di elefanti intento a gustarsi i baccelli di Faidherbia albida sotto il quale abbiamo montato il campo. Gli elefanti, inoltre, sono soliti strappare i rami più altri per accedere ai germogli più teneri e non si curano di cosa ci sia sotto l’albero; una volta, tornando da un game drive, ho trovato un ramo di tre metri a pochi centimetri dalla mia tenda, spezzato di fresco da un elefante durante il suo percorso gastronomico.

I nidi abbandonati di tessitori, infine, sono delle vere e proprie fucine di zecche che proliferano al loro interno, ricadendo fuori e piovendo sulle teste degli incauti campeggiatori.

Valutate bene, quindi. Di spazio in Africa ce n’è tanto, ma bisogna scegliere quello giusto.

e-max.it: your social media marketing partner

Siamo professionisti

African Path si avvale per i suoi viaggi esclusivamente di guide professioniste, addestrate e registrate presso:

Zimbabwe Tourism Authority Zimbabwe Ministry of Tourism FGASA

Iscriviti alla Newsletter

Vorresti fare un viaggio in Africa ma non sei ancora deciso? Ti manderemo i nostri programmi aggiornati e ti faremo venire voglia di riempire lo zaino!